lunedì, aprile 30, 2007

Trofie (?) integrali dell'ultimora









Loooooo so,
lo so,
che le trofie vanno "arrotolate"...
(insomma non mi viene verbo migliore)
ma
sono state improvvisate per il pranzo di domenica,
ieri,
quindi perdonate la variante...
La allego visto che mi rendo conto che pare che qui ci si cibi
quasi solo di dolci,
che non è del tutto vero,
(in buona parte)
anche se è certissimo che mi diverto molto di più a pastrocciare con i piatti dolci,
ammetto,
ma ogni tanto, dai, aggiungerò prove della presenza salata
nella cucina... ;-)))
Le abbiamo cucinate con un sugo alla bolognese anche lui cucinato con tempi ristretti
senza tante aspettative,
ma il risultato è stato piuttosto goloso!
(tant'è che non ne rimangono prove fotografiche, perchè la fame era Fame,
F maiuscola)
Ingredienti:
1 1/2 farina oo (la farina di grando duro era finita,
ho provato con quella 00 ed ha inaspettatamente funzionato)
1 bicchiere farina integrale
1 cucchiaio di olio extravergine di oliva
1 pizzico di sale
acqua q.b.
P. s. :
Da oggi vorrei "inaugurare" una nuova consuetudine,
(mamma come parlo serioso...):
La musica è decisamente sul podio delle mie passioni,
da sempre,
moooolto più antica e collaudata di quella "sperimentale" per la cucina,
quindi vorrei a partire da oggi inserire una musica "di sottofondo",
ma non imposto,
per ogni post,
con la canzone che più mi rappresenta quel giorno,
o semplicemente una canzone che mi piacerebbe farvi ascoltare in quel momento,
mentre leggete dei miei esperimenti culinari o quello che mi passa per la testa...
Basta cliccare sul Play se vi va!
Per oggi cominciamo in bellezza:
una delle canzoni a cui tengo di più,
a mio parere una delle più dolci mai scritte,
che fanno veramente sognare la sottoscritta...
Sting, "When we dance"
(1994)

5 commenti:

Sara ha detto...

oooooooh
non ero mai capitata sul tuo blog ma è davvero bello! e l'immagine del profilo è a dir poco stupenda!
ripasserò spesso!
ciao!

Sara ha detto...

PS: dimenticavo...quante belle ricette!

Gaia ha detto...

si si si!!!
w le canzoni di accompagnamento!
Io metto sempre i Train quando devo preparare i muffins di qualunque tipo siano, i miei mitici tesori Negrita quando ho bisogno di cucinare qualche cosa di un po' più sprint e ppi quello che capita quando gironzolo sfaccendatamente sfaccendata per casa!
Einnoiosa mia bella, come potevi pensare che non conoscessi Testardo di silvestri???!!! pensa che me l'ha fatta consocere un mio amico romanaccio DOC, DOCG e IGP puro fatto e finito...che ridere quando me la recitava in romanesco a voce!!!!

flo ha detto...

arrotolate o meno, ma chissenefregaaaa!!! :) so' bone lo stesso no? :)


ehi, ma il sugo com'era?

Vaniglia ha detto...

Saretta, che piacere!! Grazie tesòr, ripassa quando vuoi cara, mi fa piacerissimo! baciotto

Ietti, cara lei!! Ieri in tuo onore ho ascoltato i Train nell'esecuzione della torta di cui sopra, (soprattutto Mississippi, Get away, Hopeless..sono miei personali tormentoni da cuffia e viaggio a scatafiondissima, oh, all'ultimo album non riesco ad appassionarmi, a parte For me it's you, devo aspettare l'illuminazione..), poi Negrita per il lavaggio piatti, si veda io che [grazie a Dio in cucina da sola] do il meglio di me con Cambio, in ogni atomo e Sex, quando s'ha da scatenasseeee... ;-)))
Vedi che snaturata, nooo, ma volevo solo assicurarmi che quella perla tu la sapessi (io faccio corsi privati di dizione romanacciamcon la coinqui Manu, la mia ciociara D.o.c che sostiene che non ce la potrò mai fare con i miei perchè (e aperta), mè, tè, ecc...(potrai ben capirmi tu donna Milanese!) Ma secondo me son sulla buona strada... E poi IO C'HO LE FORBISCIIIIIII..... ;-D

FLo, ma nfaaaaaaaatti, quando uno c'ha fame non si formalizza!! Il sugo l'ho creato con poco anticipo, alla bolognese, bòòno, molto "carnoso", ma proprio un zacco bòno...
Basìn cara